Statistiche

Visite: 512345
Utenti registrati: 1692
Utenti on-line: 1
Home Page » A Spinazzola » Crescete & Prostituitevi

A Spinazzola

Articolo del 21 Marzo 2007

Crescete & Prostituitevi

Gioventù addomesticata!!!


di Carmine PANTONE.

“Mamma posso restare a casa?
tanto oggi a scuola c’è assemblea di Istituto”.




Sperando di non cadere nella tentazione di un facile shampoo alle coscienze, voglio seriamente porre l’accento sul problema dei giovani e del loro (nostro) morbido approccio alle problematiche cittadine.
La necessaria riconquista della piena consapevolezza di essere gli unici attori che possono (devono!) essere protagonisti del proprio futuro.
L’impegno rivolto alla politica da parte dei giovani da qualche tempo è andato scemando fino ad essere completamente nullo.
Ma chi può interpretare le esigenze dei giovani senza che essi si mettano in discussione?
Se il panorama è questo, è giusto lamentarsi che le cose non girano nel verso giusto?

Prima di dire voglio è necessario poter dire faccio!

Ma al solito non voglio e non posso pensare che sia tutto capitato per caso. E’ chiaro che le responsabilità
non sono del giovane (o non totalmente), il quale eredita consapevolezze e spunti critici solo se qualcuno li abitua a farlo. Ma a quanto pare tutti vogliono tenere a bada la forza “indomabile” dei giovani. Ai grandi fa comodo non avere rogne. Il sessantotto è troppo vicino, troppe scottature!!! Meglio una gioventù addomesticata! Un impoverimento che questa società sta già pagando e che ci porterà un conto ancora più salato se la sterzata non è decisa e concreta. L’abitudine alla sufficienza critica parte nelle nostre famiglie e si concretizza nella scuola. Mamma posso restare a casa? tanto a scuola c’è assemblea di istituto… tipica proposta che sciaguratamente i genitori spesso accettano! Le assemblee di istituto sono un organo determinante della vita sociale dei ragazzi. un modo per comunicare, esprimersi. Le assemblee di classe si devono preparare al meglio ed essere il preludio a quelle di Istituto, luogo dove si devono incontrare o scontrare le problematiche reali, dove le più diverse idee possono (devono!) essere messe in discussione.
Le assemblee di istituto un diritto conquistato ma che è messo in discussione dalla maggior parte dei presidi, rammaricati dal povero quanto inesistente contenuto delle stesse. Da una indagine fatta dalla redazione e tra 50 studenti interpellati tra Gravina, Poggiorsini, Palazzo S.G., Minervino Murge e Spinazzola alla domanda:

“cosa Vi ricordate di aver discusso nell’ultima assemblea di Istituto?”

La maggior parte di loro non ricordava affatto le argomentazioni, alcuni ricordavano di aver visto un film ma non si ricordavano niente dello stesso, alcuni non avevano partecipato approfittando e rimanendo a casa. I più arditi si sono avventurati a dichiarare di aver fatto qualche trasgressione o iniziazione…(ma qua mi fermo sennò rischio…) che dire di più:

“Crescete & prostituitevi…”


Mi è venuto spontaneo fare un richiamo al nuovo libro di Oliviero Beha e che ne consiglio la lettura, (editrice Bur), il quale mette a nudo i mali di un Paese sull'orlo del precipizio, e chiede a tutti noi, nel quotidiano, di fare tutto il possibile per evitarne la caduta.

“L’assemblea di istituto è l’unico ed insostituibile organismo di autentica partecipazione di tutti gli studenti alla gestione della scuola”

di agenore

Nessun commento inserito per questo articolo.