Statistiche

Visite: 447122
Utenti registrati: 1437
Utenti on-line: 1
Home Page » Attività Sportive » Calcio a 5 serie C/1

Calcio a 5 serie C/1

Articolo del 05 Ottobre 2008

Torre-Pino Spinazzola: che cuore!

Con una prestazione maiuscola, che cancella (almeno in parte) i dubbi della vigilia sorti dopo la sconfitta con l'Ipomor, gli uomini di mister Pantone espugnano il difficilissimo campo di Modugno imponendosi per 4 reti a 3. Bella ed avvincente la sfida al Palazzetto, con inizio posticipato alle ore 19.00, decisa solo nel finale grazie al gol-vittoria di Emanuele Arcieri. Lo Sporting, in casa, non perdeva da 2 anni...

 

Il Match

Agli ordini dei signori Lamannuzzi della sezione di Molfetta e Cavallo di Casarano, queste le formazioni iniziali: mister Germinario si affida al rientrante Sibilla tra i pali e Loseto, Schittulli, Gravina e Diaferia in mezzo al campo. Mister Pantone, nonostante le assenze dei soliti infortunati Valente e Conca ai quali si aggiunge il forfait delle ultime ore del febbricitante Junior, risponde con uno starting 5 di primissimo livello: Arcieri, Carulli, Di Corato, De Sario e Casino. Le compagini in campo impiegano la fase iniziale del match per "conoscersi" meglio, così i primi minuti passano senza grosse emozioni. Il più attivo è senz'altro Schittulli, che in un paio di circostanze disimpegna il sempre attento Arcieri (una rivelazione). Solo al 6° si fa vivo il Torre-Pino: Casino con uno squisito lob lancia Di Corato che conclude al volo; bello ma evanescente, alto sulla traversa. Passano i minuti e il pivot Gravina prende le misure sulla retroguardia Spinazzolese e comincia a farsi pericoloso. Al 16° il suo movimento in area è da applausi: sulla sua strada però c'è Arcieri, che salva in angolo. Cresce d'intensità il ritmo in campo: Arcieri e Sibilla cominciano a fare sul serio. De Giosa, appena entrato, scalda il piede e ci prova da tutte le parti. Per fortuna del Torre-Pino, senza successo. Al 18° il primo lampo dell'incontro, firmato Di Corato, splendidamente servito dall'imprendibile Casino. Sibilla non può nulla: Torre-Pino in vantaggio. Gli attacchi di Gravina e De Giosa si fanno sempre più pressanti, ma a siglare la rete del pari, allo scoccare del 22°, è il neo entrato Casalino che trova lo spiraglio giusto dalla distanza. 1 a 1, palla al centro. La prima frazione si chiude senza ulteriori sussulti, eccezion fatta per un tentativo da fuori di Minervino controllato dal bravo Sibilla.

 

Secondo Tempo

Lo Sporting di mister Germinario parte forte e dopo appena 180 secondi dal rientro in campo si porta in vantaggio: Gravina, in area, sfrutta tutti i suoi centimetri e il suo fisico imponente (probabilmente commettendo fallo su Carulli) e batte senza scampo l'estremo difensore spinazzolese. 2 a 1. La reazione degli ospiti è immediata: Di Corato disimpegna Sibilla, che chiude lo specchio e salva in angolo. 1 minuto dopo ci prova De Sario; tentativo deviato da Lillo e ancora Sibilla a salvare il risultato. Al 38°, però, la musica cambia e l'estremo difensore locale deve capitolare sulla conclusione di Casino: 2 a 2. Il folletto "brasiliano" ci prende gusto e da vita ad uno spettacolo entusiasmante: dribbling a go go e assist al bacio per i compagni. Il risultato, però, resta invariato. Dall'altro lato del campo sale in cattedra l'esperto De Giosa. Al 40° i suoi sforzi vengono premiati: dormita generale della difesa che non chiude sul secondo palo e Sporting nuovamente avanti. De Giosa firma il 3 a 2 del Modugno. Lo Spinazzola accusa il colpo ma con il cuore e una grande forza di volontà rientra subito nel match. Fa il suo ingresso in campo, intanto, Emanuele Arcieri. Sono sue le occasioni più ghiotte, ma Sibilla ancora un volta chiude tutto. Minuto 51, De Sario servito in area si libera di forza e calcia a colpo sicuro: miracolo di Sibilla. Il pallone però resta li e De Sario ne approfitta: questa volta è dentro. 3 a 3 a meno 9' dalla fine. Lo Sporting sbanda vistosamente ed il Torre-Pino ne approfitta pressando su ogni pallone. La difesa locale messa sotto pressione, appunto, è costretta all'errore: Arcieri E. si ritrova il pallone tra i piedi con Sibilla fuori dai pali e non perdona. Spinazzola in vantaggio. Gioia incontenibile per il giovane biscegliese, al suo primo gol in maglia biancoazzurra. I padroni di casa provano a reagire immediatamente: Arcieri salva in diverse occasioni. Per lo più si tratta di calci piazzati, perchè lo Sporting fatica a giocare palla a terra. Mister Germinario decide così di osare e negli ultimi minuti prova la carta del portiere di movimento (De Giosa). Il Torre-Pino si difende in massa e resiste sino alla fine senza concedere grosse occasioni agli avversari. Dopo 2 minuti di recupero il duo Lamannuzzi-Cavallo sancisce la fine dell'incontro: Torre Pino sconfigge Sporting Modugno per 4 reti a 3.

 

 

Dichiarazioni

Queste le impressioni raccolte a fine gara. Mister Germinario è ancora incredulo per quanto accaduto. "Mah, non c'è molto da dire. Risultato giusto? Direi di no, un pareggio sarebbe stato meglio. Ma diciamo pure che voi ci avete creduto più di noi, questo è stato il vostro merito. Per noi è la prima esperienza in C1 e sappiamo benissimo che in questo campionato equilibrato ogni partita nasconde delle difficoltà. Venivamo entrambi da una sconfitta. Ai miei avevo chiesto maggiore concentrazione. Nell'azione dei gol non c'è stata affatto. Si sono ripetuti gli stessi errori fatti sabato scorso. Il Torre-Pino ha dimostrato di essere una buona squadra, considerando anche che nelle vostre fila mancavano diversi elementi importanti. Noi dobbiamo rivedere molte cose. Speriamo di riprendere al più presto il cammino interrotto 15 giorni fa". Mister Pantone, momentaneamente rubatoci dalle telecamere di TeleNorba Sport, analizza così il match vinto. "Come ho già detto pocanzi, quest'oggi ci abbiamo creduto di più. A Spinazzola contro l'Ipomor eravamo in vantaggio e stavamo anche giocando bene, ma poi ci è mancata la testa. Stavolta no. Eravamo in debito con la fortuna ed oggi ci è andata bene, ma c'è ancora tanto su cui lavorare". Chiude la rassegna l'autore del gol-vittoria, Emanuele Arcieri. "Dedico il gol a chi ha creduto in me sin dall'inizio. La partita di oggi è stata difficile. Di fronte avevamo una bella squadra. La settimana scorsa contro l'Ipomor siamo stati sfortunati. Questa volta è andata diversamente. Adesso dobbiamo rimanere con i piedi per terra. Il nostro obiettivo resta la salvezza, poi si vedrà. Circa i gol posso solo sperare che in futuro ce ne siano altri. Quanti, però, non so e non mi interessa: l'importante è che vinca la squadra".  

di Chedes5